///
CELEBRATI I 70 ANNI DEL PANATHLON CLUB MILANO

CELEBRATI I 70 ANNI DEL PANATHLON CLUB MILANO

Milano, 30 giugno  – Lo sport con i suoi valori etici e sociali, ma anche intrattenimento, danza, riflessioni e dibattiti hanno animato la manifestazione con cui il Panathlon Club Milano ha celebrato ieri sera i suoi “70 Meravigliosi Anni” nell’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia. Condotta da Filippo Grassia, giornalista presidente del Panathlon Club Milano, la serata è stata aperta dall’applauditissima Fanfara dei Bersaglieri (sezione Luciano Manara di Milano), ed ha poi visto diversi interventi e premiazioni. A celebrare degnamente i 70 anni del PCM, è stato presentato il libro, curato da Sergio Giuntini, “70 Anni di Sport a Milano”, edito dallo stesso Panathlon Club: un’appassionante cronologia di fatti e personaggi sportivi legati al territorio milanese dal 1952 a oggi.

Ricca e interessantissima la parte fotografica del volume, che riporta a un passato di trionfi come il mondiale di Nino Benvenuti, le epiche vittorie internazionali di Inter e Milan, le infinite medaglie dal grande Edoardo Mangiarotti e tanti altri fatti e personaggi, fino a un recente passato e a un presente di altrettante glorie. Come quelle dei campioni paralimpici azzurri, rappresentati ieri sera da tre plurimedagliati: Alesia Berra e Simone Barlaam (nuoto) e Andrea Liverani (tiro a segno).

Hanno partecipato fra gli altri alla serata con i loro interventi Claudia Giordani, vicepresidente del CONI nazionale e delegata del CONI Milano, Antonio Rossi, sottosegretario regionale ai Grandi Eventi ed ex campione di canoa, e i giornalisti sportivi Matteo Marani e Giulio Mola. Momenti di divertimento con le battute degli Autogol, e grande spettacolo di danza moderna con i giovani e bravissimi ballerini della Naima Academy.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MORTO MASSIMO CIUCHI, EX CAPOREDATTORE ALLA “GAZZETTA”

Si è spento nella sua abitazione di Como il collega Massimo Ciuchi, per tanti anni giornalista alla Gazzetta dello Sport dopo essere stato al Giorno e prima ancora all’Ordine di Como, dove aveva iniziato giovanissimo la sua carriera professionale