///
Ci ha lasciati a 71 anni Enzo d’Orsi

Ci ha lasciati a 71 anni Enzo d’Orsi

Ci ha lasciati all’età di 71 anni Enzo d’Orsi, grande firma del giornalismo italiano e perugino di nascita, di stanza a Saluzzo.
Ricordato per essere stato il vero ideatore della Supercoppa Italiana ispirando l’allora presidente della Sampdoria Mantovani, Enzo ha seguito per tanti anni la Juventus da firma di punta del Corriere dello Sport, fino al 2000 vicecapo della redazione torinese di piazza Solferino guidata dal suo fraterno amico Salvatore Lo Presti, diventando poi caporedattore nel 1982, nonché inviato, ma ha lavorato anche per Paese Sera ai tempi giovanili di Perugia, per Leggo e il settimanale Rigore, è stato corrispondente de L’Equipe e France Football, ha raccontato quattro Mondiali e cinque Europei, nonché migliaia di partite con una particolare predilezione per il calcio inglese e spagnolo di cui era vero esperto ed appassionato. Ha anche scritto tre libri sulla Juventus, “Gli undici giorni del Trap” sulla marcia di avvicinamento alla maledetta finale di Atene con l’Amburgo, “Non era champagne” su Gigi Maifredi con cui ebbe un rapporto burrascoso, “Michel e Zibì” su Platini e Boniek. Aveva un innato senso della notizia e sapeva riconoscere chi, come lui, le notizie sapeva cercare, trovare e riportare con chiarezza e senza fronzoli. I suoi scoop più volte fecero infuriare Boniperti e poi Moggi, quando fu il primo a scoperchiare il pentolone del sistema-Juve. Asseriva di tifare il Manchester United e che Di Stefano sia stato il più grande di sempre, ma nei frequenti contatti con gli amici di Perugia ha inevitabilmente rivelato l’autentica passione per la squadra della sua città, che non ha mai smesso di seguire da lontano interessandosi di tutto, dalle vicende societarie a quelle del campo.
Competente, pacato, sempre elegante, scrupoloso, mai sopra le righe, solo apparentemente burbero e in realtà sempre generoso e disponibile, insieme all’amico Roberto Renga, a sua volta scomparso due anni fa, Enzo ha incarnato un giornalismo di altissimo livello che va ormai scomparendo e ha probabilmente ricevuto meno riconoscimenti rispetto a quelli che avrebbe meritato in vita. Prima di andarsene, sapendo dell’arrivo di giorni di festa, ha chiesto a tutti di dedicargli un brindisi e così faremo, onorandone il ricordo. Lascia la moglie Maria Paola, tre figli – Jacopo, firma de La Stampa, Ludovico e Niccolò – cinque nipoti e un enorme vuoto nel mondo del giornalismo sportivo.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.