///
Ussi Roma in lutto: se n’è andato il Vicepresidente del gruppo Gianfranco Tobia

Ussi Roma in lutto: se n’è andato il Vicepresidente del gruppo Gianfranco Tobia

Con profondo cordoglio Ussi Roma esprime le più sentite condoglianze alla famiglia per la morte del Vicepresidente del Gruppo Gianfranco Tobia, avvocato stimatissimo e collega giornalista che ha dedicato con passione e professionalitá un profondo impegno per la crescita e lo sviluppo della Stampa Sportiva Italiana.

—–

“Calma, questa cosa la sistemiamo”. C’era l’avvocato, lo sportivo, il tifoso, il cavaliere che combatte l’ingiustizia professionale ristretto in queste poche parole che Gianfranco, anima e cuore dell’Ussi Roma, ripeteva sovente, sapendo di mentire a noi e a se stesso. Perchè la calma, quando c’era da affrontare ciò che non era giusto, Gianfrancone nostro la chiudeva in un cassetto. Nel suo personale derby interiore tra calma e rabbiosa indignazione verso le ingiustizie, quest’ultima vinceva sempre tre a zero, c’era poco da fare.

Noi ne eravamo affascinati. Un uomo che era riuscito nella professione di avvocato ad altissimi livelli – portandola anche nel gotha dello sport italiano in nome di una passione che s’era poi rivelata nel mondo del giornalismo – che si batteva per tutti noi e per chi chiedeva solo di poter fare il proprio lavoro con un impegno da non credere, spendendo tempo ed energia senza mai risparmiarsi.

“Calma, questa cosa la sistemiamo”. E Gianfranco la sistemava sul serio. Che fosse un semplice problema di accredito o un quadro normativo sul quale ragionare e intervenire, lui ci metteva la stessa cura, la stessa dedizione. Nella vita, Gianfranco era fantasista, era mediano e se serviva anche portiere, perchè il senso di squadra ce l’aveva dentro.

Già, il pallone, la sua grande passione. E chi se lo dimentica durante le ormai leggendarie partite del torneo di calcio a 11 intitolato ad Alberto D’Aguanno? Quando noi dell’Ussi Roma lo abbiamo vinto (e lo abbiamo vinto un bel po’ di volte vero Gianfri?), non c’è stata volta che su quella sua bella faccia da gentleman british non sia apparso il sorriso del fanciullo che fu. Un uomo felice per un pallone che rotola in rete.

Lui non giocava, ma lì vicino a noi in panchina non mancava mai da vero presidente della squadra. Tifava, soffriva, gioiva. Era in campo con tutti noi anche se non scendeva in campo. Ti giravi e lui era lì, in piedi vicino alla panchina. E se capitava di prendere gol (non che succedesse spesso eh!) si avvicinava e indovina cosa ti diceva? “Calma, questa cosa la sistemiamo”.

Ciao Gianfranco, ciao Amico, ciao Maestro.

USSI ROMA

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.