///
COMUNICARE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS di Felice Accame

COMUNICARE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS di Felice Accame


dii Felice Accame

 Già prima – prima di questa pandemia che ci ha offeso fisicamente e mentalmente – il livello di fiducia reciproca raggiungibile in questa nostra vita sociale non era un gran che. All’incontro casuale si guardava innanzitutto con sospetto e ci voleva un po’ – a volte anche un “bel po’” – perché ci si rendesse disponibili gli uni agli altri.
Lo sport in genere e il calcio in particolare – in quanto sport planetariamente diffuso e sport collettivo, intrinsecamente cooperativo – costituivano “isole felici” entro le quali – almeno a certi livelli – le dure leggi dell’economia non valevano o valevano fino ad un certo punto. Uno dei pochi contesti al mondo dove l’etica (ogni tanto, magari si potesse dire “sempre”) prevaleva – auspicabilmente. Uno dei pochi contesti al mondo dove la comunicazione tra le persone è strettamente funzionale al risultato finale.
Ora, le cose si prospettano diversamente. Comunicazioni via cellulare, lezioni e conferenze telematiche, distanziamento sociale, mascherine, guanti, disinfettanti costantemente a portata di mano, controllo severo della propria gestualità, paura, focalizzazione dell’attenzione a se stessi modificano radicalmente le nostre interazioni. Proviamoci a fare il conto di cosa perdiamo.
Il rapporto visivo, per esempio, è una conquista culturale. Poterci incontrare vis à vis, faccia a faccia, è un primo passo verso condivisioni più importanti – nell’iconologia della mia infanzia, il fazzoletto sul volto era quello del “bandito”. A seconda dell’andamento dell’interazione, poi, la distanza tra le persone cambia – è un’esigenza vissuta inconsciamente -, a volte accorciandosi fino a coinvolgere il tatto, a volte allungandosi fino a poter vedere la figura intera del nostro interlocutore.
L’espressione del viso – e non solo lo sguardo -, poi, manifesta il fluire dei nostri stati emotivi e, pertanto, costituisce segnali determinanti per il prosieguo della relazione. Dietro la mascherina e mantenendo una presunta (ahinoi, di certezze in proposito non ce n’è) distanza di sicurezza, grana della voce e toni vanno a omologarsi. Le nostre comunicazioni tenderanno ad abbreviarsi –  a volte fino al cosiddetto “minimo indispensabile” che, invece, ai fini di una comunicazione che voglia andare a buon fine è dispensabilissimo, perché il successo di una comunicazione – lo sappiamo – è affidato, soprattutto, ai tanti linguaggi complementari con cui accompagniamo la parola.
Pandemia, poi, già come concetto fa paura – quel “pan” iniziale sta per “tutto e tutti”, come se nessuno potesse esentarsene. E dalla paura non viene mai niente di buono per le relazioni umane. O si fugge – e, allora, addio relazione. O si aggredisce – e, allora, è la fine di quel delicato equilibrio tra egoismo e altruismo costruito da millenni di evoluzione della specie umana. Come se l’unica legge fosse quella del più forte – del più adatto, del più furbo. La paura, poi, induce ad un sovraccarico di attenzione a se stessi. L’essere umano fa tante cose senza sapere di farle – la maggior parte di ciò che fa non sa di farla: pensa, raccorda i propri pensieri con il proprio linguaggio, si muove, metabolizza, respira ma non tiene sotto il proprio diretto controllo tutte queste attività. Si pensi soltanto al respiro – punto nevralgico del nostro rapporto con il virus: nel momento in cui gli rivolgiamo tutta la nostra attenzione è un attimo e già si traduce in “sintomo” – un sintomo da monitorare costantemente e da correlare ad altri dati, come la temperatura corporea. L’attenzione a sé diventa ossessione e tutta la nostra disponibilità alla relazione con altri svanisce. Ci si deprime, paradossalmente, ci si ammala nella paura della malattia stessa.
Fermo restando, allora, che ancora a lungo – speriamo il meno possibile – si debba rimanere e alla meno peggio andare avanti in queste condizioni, cosa possiamo fare ? Come sopperire a quanto si perde ? Mi viene in mente quanto hanno osservato gli etologi analizzando i comportamenti di animali geneticamente vicini agli esseri umani: quando si trovano in difficoltà – per esempio, nel sovraffollamento e nello spazio troppo ristretto per l’estrinsecazione della loro vita sociale – aumenta sensibilmente la loro attività di “grooming” – che, nel caso dei primati, significa semplicemente spidocchiamento”, ma che, nel caso nostro, può significare l’aumento dell’affettività o la necessità di ratificare l’altro confermando il legame sociale più spesso e più apertamente di quanto siamo abituati a fare. C’è bisogno di una compensazione. Nel mantenere il suo rapporto con la squadra, l’allenatore se lo ricordi.

* Felice Accame è docente di Teoria della comunicazione al Centro Tecnico di Coverciano e, dal 1990, consulente della FIGC per il Centro Studi del Settore Tecnico.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste

Allo Stadio Olimpico la Giornata dello Sport per la scuola primaria

Oltre 2000 bambini di classe V provenienti da tutte le Province italiane hanno partecipato oggi alla “Giornata dello sport per la scuola primaria”, una grande festa organizzata allo Stadio Olimpico di Roma e promossa dal Ministero dell’Istruzione, dal Dipartimento per lo Sport e da Sport e Salute per promuovere l’attività motoria e diffondere la cultura sportiva nella scuola primaria.