///
Consiglio d’Europa: «Gli Stati garantiscano la sostenibilità finanziaria del giornalismo di qualità»

Consiglio d’Europa: «Gli Stati garantiscano la sostenibilità finanziaria del giornalismo di qualità»

da: fnsi.it

L’informazione è un bene pubblico, essenziale per la democrazia e per la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica. Di conseguenza, le istituzioni sono tenute a garantire l’indipendenza dei media e ad adottare misure che permettano l’effettivo esercizio della libertà di stampa. La Dichiarazione approvata il 13 febbraio riassunta dalla professoressa Marina Castellaneta.
I lavori del Consiglio d’Europa (Foto: coe.int)

di Marina Castellaneta*

Il giornalismo di qualità è un bene pubblico, essenziale per la democrazia e per la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica. Di conseguenza, gli Stati sono tenuti a garantire la sostenibilità del giornalismo di qualità. La professoressa Marina Castellaneta riassume così, sul suo blog, il senso della Dichiarazione approvata il 13 febbraio dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa.
Gli Stati – scrive il Comitato – sono tenuti a garantire l’indipendenza dei media e ad adottare misure che permettano l’effettivo esercizio della libertà di stampa, garantito dall’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, con azioni positive come regimi fiscali vantaggiosi, programmi di sostegno finanziario, possibilità per gli editori e per i giornalisti di creare organizzazioni che usufruiscano di vantaggi come quelli previsti per le organizzazioni non profit.
Da un lato, i modelli tradizionali di business basati sulla pubblicità sono stati scardinati dalla digitalizzazione, dall’altro lato poco si fa per garantire interventi concreti e di supporto al giornalismo di qualità: una situazione drammatica per la stampa che si traduce in perdita di posti di lavoro, ridotta copertura delle notizie, deterioramento delle condizioni di lavoro dei giornalisti e mancanza di pluralismo.
Nessun dubbio, poi, che la crisi rende i giornalisti vulnerabili, con maggiori rischi e diffusione di un clima di censura o di autocensura. Di qui la necessità di interventi, al di là del servizio pubblico, da parte delle autorità nazionali volti a permettere l’esercizio del giornalismo, anche con interventi di carattere finanziario, nel rispetto del principio di trasparenza.
Il Comitato dei ministri, inoltre, lancia l’allarme sulle piattaforme online, spesso veicolo di disinformazione. In particolare, manca un’adeguata trasparenza «nel modo di selezionare e classificare le notizie». Così, come preoccupa l’assenza di redistribuzione delle entrate delle piattaforme online a coloro che forniscono notizie.
Intanto, dal rapporto della piattaforma per la protezione del giornalismo e della sicurezza dei giornalisti, istituita dal Consiglio d’Europa, risulta che l’Italia è il Paese Ue con il più alto numero di messaggi di allerta, inseriti nella piattaforma, relativi a rischi per i giornalisti. Con un ulteriore dato negativo, ossia la completa noncuranza delle autorità di governo che non rispondono alle segnalazioni. Senza dimenticare – si legge infine nel rapporto – che due ministri, Di Maio e Salvini, divulgano messaggi ostili nei confronti della stampa.
PER APPROFONDIRE
Qui il testo della declaration.
*L’articolo integrale è disponibile sul blog marinacastellaneta.it. Marina Castellaneta è professoressa ordinaria di diritto internazionale.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).