///
F1- Con Vettel e compagni non ci si annoia. Mercedes doppio ritiro. Il commento di Alberto Bortolotti

F1- Con Vettel e compagni non ci si annoia. Mercedes doppio ritiro. Il commento di Alberto Bortolotti


E’ tornato, dall’Austria, in testa alla classifica di Formula 1. Sebastian Vettel non è certo insoddisfatto della sua gara ma qualche rimpianto ce l’ha. “In partenza sono scattato bene ma poi in curva 1 ho dovuto alzare il piede per evitare contatti. Inoltre non c’era spazio. E’ stato un casino. Ho perso qualche posizione e poi anche in curva 3 ho avuto le stesse difficoltà. Certo che senza la penalità sarebbe stata un’altra gara, ma è andata così. Credo che sia stata eccellente anche la strategia. Ho dovuto spingere forte ma allo stesso tempo salvare le gomme, gestirle bene. Non si sa mai se lo si sta facendo bene, perché abbiamo fatto quasi 50 giri su gomme soft, ma alla fine è stato tutto ok”.
Non solo non ci si è annoiati a vedere le moto ad Assen, anche le auto al Red Bull ring hanno detto la loro pere quanto riguarda sorprese e fatti rocamboleschi.
Il doppio ritiro delle Mercedes, problemi idraulici per Bottas e alla pompa della benzina per il campione del mondo (ma Hamilton era comunque finito dietro causa errori di strategia) genera la vittoria del pilota di casa, ovvero targato Red Bull, che è il funambolico e spesso detestato Max Verstappen, in sostanza sempre al comando.
Non arriva in fondo nemmeno Daniel Ricciardo, ma ce la fanno, da valletti dell’olandese, le due Ferrari, con Raikkonen secondo e Vettel terzo. Quasi un miracolo per il tedesco, partito sesto e poi relegato all’ottavo posto, ma il muretto e il pilota fanno un ottimo lavoro.
Quarta e quinta le due Haas di Grosjean e Magnussen, poi le Force India di Ocon e Perez e Alonso ottavo che precede Leclerc ed Ericsson.
In classifica Vettel torna al comando di 1 punto su Hamilton. Raikkonen è terzo a -45, poi 5 punti sotto Ricciardo, e ancora, a 8 e 9 lunghezze dal finnico, Verstappen e il connazionale Bottas.
*Alberto Bortolotti, consigliere Ussi

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

IL RICORDO DI EDOARDO MANGIAROTTI A 10 ANNI DALLA MORTE

Dieci anni fa, il 25 maggio 2012, si spegneva Edoardo Mangiarotti, lo sportivo italiano più decorato di tutti i tempi: 13 medaglie olimpiche (6 ori, 5 argenti, 2 bronzi) e 26 iridate (13 ori, 8 argenti e 5 bronzi). Oggi, passato un decennio, il mondo dello sport onora ancora il suo ricordo