///
Malagò, Abete e Agnelli chiudono il seminario Figc-Ussi

Malagò, Abete e Agnelli chiudono il seminario Figc-Ussi

seminario-def
Il presidente della Juventus Andrea Agnelli e i numeri uno dello sport e del calcio italiano Giovanni Malagò e Giancarlo Abete sono stati i protagonisti della seconda e ultima giornata del settimo seminario “Il calcio e hi lo racconta”, organizzato dalla FIGC e dall’Unione Stampa Sportiva Italiana (USSI).
Al Centro Tecnico Federale di Coverciano, nel suo intervento Andrea Agnelli ha espresso apprezzamento per la priorità data dal Coni alla legge sull’impiantistica sportiva: “Sono soddisfatto della velocizzazione dell’iter legislativo, ma dubito che nei prossimi 2-3 anni si possano vedere nuovi stadi e nuovi impianti sportivi. Se non modernizzeremo le nostre strutture non saremo competitivi. Oggi abbiamo impianti obsoleti che non risultano attraenti agli attori principali, ovvero i calciatori, nè al mercato televisivo nè al pubblico degli stadi e con questa situazione facciamo e faremo fatica ad eccellere come club a livello internazionale”. Il numero uno del club bianconero, che ha definito legittima la reazione di Mariella, vedova di Gaetano Scirea sulle espressioni antisemite e sui cori intonati da alcuni tifosi juventini, si è soffermato su alcune criticità presenti nel nostro calcio: “Siamo stati per anni il campionato europeo di riferimento – ha ricordato – ora faremo fatica a recuperare posizioni in campo internazionale. Una data che funge da spartiacque è il 2006, da quel momento i club europei hanno aumentato il fatturato molto di più rispetto ai nostri”.
Dopo aver ribadito l’importanza di intraprendere la stessa strada sull’impiantistica seguita dalla Juventus, dall’Udinese e da tutte le altre società che già da anni hanno deciso di investire risorse nello stadio di proprietà, il presidente del Coni Giovanni Malagò è tornato sugli ultimi episodi di razzismo e discriminazione che si sono verificati in Serie A: “Non mi permetto di dire che ci sia bisogno di inasprire le norme e le sanzioni, ribadisco solo che non si può discriminare nella discriminazione. Quello che serve sono omogeneità e unicità di valutazioni e di giudizi, e che tutto possa essere sempre ricondotto al buonsenso”.
A chiusura del seminario Giancarlo Abete ha ribadito che a fine stagione sarà giusto fare una riflessione sulla discriminazione territoriale, ma che bisognerebbe concentrarsi sui comportamenti più che sulle norme: “Noi – ha ricordato il presidente federale – già dopo i suggerimenti dati dall’Alta Corte del Coni nel respingere il ricorso della Roma abbiamo evidenziato che alla fine della stagione sportiva faremo una riflessione sul quadro normativo esistente. Nell’attuale stagione sportiva a livello professionistico abbiamo avuto tre chiusure di curve in Serie A per discriminazione territoriale e due per motivi di razzismo. Abbiamo avuto una chiusura in Lega Pro per discriminazione territoriale e una per razzismo, e nessuna in serie B. Quindi evidentemente c’è anche da valutare il contesto complessivo in cui il dibattito è stato molto ricco, ma le situazioni interessate sono state un numero molto limitato se pensiamo che abbiamo 110 società professionistiche”. Doveroso anche abbassare i toni della polemica: “Dobbiamo tutti cercare di valorizzare la capacità di dare un’immagine positiva del nostro calcio a livello internazionale e cercare di minimizzare quelle che sono situazioni collegate alle dialettiche, ed anche un po’ alle faziosità che sono patrimonio del mondo del calcio”.
Nella prima giornata del seminario, iniziato con i saluti del presidente del Settore Tecnico della Figc Gianni Rivera e del direttore generale Antonello Valentini, i partecipanti provenienti da quasi tutte le regioni d’Italia hanno molto apprezzato l’intervento di Claudio Ranieri, attuale allenatore del Monaco, che ha parlato della sua lunga e variegata esperienza da allenatore in Italia, Spagna, Inghilterra e Francia. Nel pomeriggio, spazio al designatore arbitrale della Fifa Massimo Busacca, che ha parlato delle novità e della preparazione in vista degli ormai prossimi Mondiali in Brasile, e all’appassionato intervento di Arrigo Sacchi, coordinatore delle Nazionali giovanili. Per finire il programma della prima giornata, lezione di match analysis (in pratica, come si legge una partita) con Marco Scarpa e Antonio Gagliardi, componenti dello staff tecnico della Nazionale italiana.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste