///
Mihajlovic contro i tifosi del Crotone: “Mi hanno chiamato zingaro”

Mihajlovic contro i tifosi del Crotone: “Mi hanno chiamato zingaro”

Mihajlovic ha commentato amaramente gli insulti ricevuti da parte del pubblico di Crotone: “Ho sentito i cori, mi dispiace perché porto rispetto e chiedo rispetto. Questa è l’ignoranza dell’Italia”

Il Torino di Sinisa Mihajlovic si è salvato per il rotto della cuffia all’Ezio Scida contro il Crotone di Davide Nicola.

La rete di De Silvestri al 92′ ha regalato un punto prezioso ai granata che ora occupano l’ottavo posto in classifica, dietro Bologna e Sampdoria, ma davanti al Milan di Montella. Il tecnico serbo ha però elogiato la prestazione dei suoi: “Abbiamo fatto quello che dovevamo. Abbiamo dominato per 90′ minuti, preso gol nelle loro uniche due azioni offensive, più che altro per errori individuali e non di reparto. Abbiamo fatto due gol, andando vicini al terzo per sette-otto volte. Oggi non posso dire nulla ai ragazzi”.

Mihajlovic ha poi parlato delle tante assenze: “Ci mancano giocatori importanti: Barreca, Obi, Acquah. Questo ci toglie soluzioni e la possibilità di cambiare a gara in corso”. Infine, l’ex tecnico di Fiorentina, Milan e Catania si è poi scagliato contro il pubblico dello Scida, reo di averlo chiamato zingaro per tutta la partita. Lo sfogo del serbo è amaro: Ho sentito i cori, mi dispiace perché porto rispetto e chiedo rispetto. ‘Zingaro’ o ‘serbo’ offendono un popolo. Questa è l’ignoranza dell’Italia. Mi dispiace per la società del Crotone che deve pagare per alcuni cretini”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Corte federale d’appello, confermata la sanzione da 250mila euro al Napoli

Il club di Aurelio De Laurentiis aveva impedito l’accesso alle conferenze stampa di alcuni cronisti. Episodi stigmatizzati più volte dall’Ussi. “Adesso, a un mese dall’avvio del campionato, arriva un segnale importante per il diritto di cronaca che conferma il nostro impegno quotidiano” dice Gianfranco Coppola

Ussi e libertà di stampa, due sentenze esemplari 

Conferenze stampa con limitazioni contrarie al protocollo Ussi – Lega Serie A, che garantiscono a tutti i giornalisti il libero accesso alle fonti  e il contradditorio con i tesserati: l’Unione Stampa Sportiva Italiana come da mission segnala quanto attiene al lavoro dei giornalisti e giornalisti per immagini ma anche le inosservanze ai regolamenti varati dalla Lega serie A da parte delle società. Le condizioni di lavoro alla vigilia della fase agonistica della nuova stagione di fatto già scattata chiedono attenzione e decisioni non unilaterali.

Addio a Marcello Lazzerini gentiluomo della Rai

E’ morto a 86 anni il giornalista e scrittore fiorentino Marcello Lazzerini. Come ricorda l’Ast in una nota in cui esprime cordoglio, Lazzerini era stato cronista de L’Unità fin dagli anni Sessanta e poi era passato alla Rai divenendo “un ottimo telecronista e radiocronista perfino di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, con Enrico Ameri e Sandro Ciotti. Otteneva ascolti e considerazione raccontando la Fiorentina”. Fu anche scrittore e vinse il Bancarella sport.