///
Muore a 47 anni la giornalista Alessandra Witzel

Muore a 47 anni la giornalista Alessandra Witzel

CUNEO – Tragedia nel giornalismo cuneese: è morta, a soli 47 anni, Alessandra Witzel, vicedirettore del settimanale “La Bisalta”, collaboratrice del quotidiano “Il giornale del Piemonte e della Liguria” e molto attiva sul portale “VentimigliaBlog”. Un aneurisma le è stato fatale.
Si è sentita male a Mentone, sulla riviera a cavallo tra Francia e Liguria, dove spesso si recava per lavoro. Inutili sia il tentativo di rianimarla, sia la corsa all’ospedale “Principessa Grace” di Montecarlo dove è stata composta la salma.
Originaria di Cuneo, dove abitava, antenati danesi nella genealogia di famiglia facilmente rintracciabili nei tratti e nei colori che la caratterizzavano (alta, magra e bionda), Alessandra Witzel si era diplomata al liceo classico e poi laureata Lettere classiche all’Università di Torino, quindi l’approdo al giornalismo sportivo, in linea con la sua passione per lo sport in generale, tennis – che praticava personalmente con i colori del Country Club Cuneo – e calcio in primis.
Era iscritta all’Ordine dei giornalisti del Piemonte, nell’elenco pubblicisti, dal 30 novembre 1999.
Considerata la “contessina” dello sport cuneese per quell’atteggiamento e lo stile “sempre eleganti, con un tocco di semplice aristocrazia” – scrivono i colleghi nel dare la notizia della scomparsa –, aveva legato il suo nome, da dirigente, anche al Cuneo Calcio Femminile di Serie A.
«Il mio braccio destro, – scrive il direttore de “La Bisalta” Rosaria Ravviso, ricordando Alesandra – una figura insostituibile in redazione. Da vent’anni lavoravamo insieme e l’ho sempre immaginata come mio successore. Era pronta per sostituirmi, glielo dicevo spesso, “quando vuoi, dimmelo e vado in pensione a fare la nonna”. E invece. Un pezzo della mia vita che se ne va. Avevamo instaurato un bellissimo legame, con molto rispetto, una linea editoriale condivisa. E avesse mai detto una brutta parola su qualcuno. Aveva un’etica irreprensibile. Si faceva voler bene da tutti».
FONTE: giornalistitalia.it

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste

Allo Stadio Olimpico la Giornata dello Sport per la scuola primaria

Oltre 2000 bambini di classe V provenienti da tutte le Province italiane hanno partecipato oggi alla “Giornata dello sport per la scuola primaria”, una grande festa organizzata allo Stadio Olimpico di Roma e promossa dal Ministero dell’Istruzione, dal Dipartimento per lo Sport e da Sport e Salute per promuovere l’attività motoria e diffondere la cultura sportiva nella scuola primaria.