///
Il Premio Antonio Ghirelli a Cardinalini e Salvio

Il Premio Antonio Ghirelli a Cardinalini e Salvio

cardinaliniLuca Cardinalini di Raisport (nella foto a sinistra, con il microfono) e Fabrizio Salvio salvio(nella foto a destra) della Gazzetta dello Sport e del magazine Sportweek sono i vincitori ex aequo della seconda edizione del premio internazionale di giornalismo sportivo dedicato ad Antonio Ghirelli, la cui cerimonia si è svolta venerdì 27 maggio a Napoli, nel foyer dell’auditorium della Rai. Menzione speciale per Pasquale Raicaldo di Repubblica e Stefano Caredda dell’ Agenzia redattoresociale.it, con un servizio pubblicato sul magazine SuperABile. I quattro finalisti hanno concorso con servizi dedicati ai  temi del fair play, il razzismo nello sport, l’integrazione, le attivita’ paralimpiche.
Nel corso della manifestazione, la giuria del Premio, presieduta dal giornalista Gianfranco Coppola, consigliere nazionale Ussi e membro di Aips Europe, ha assegnato riconoscimenti speciali ai giornalisti legati alla figura di Antonio Ghirelli come Giovanni Grasso, direttore dell’Ufficio stampa e Comunicazione della Presidenza della Repubblica; Ugo Intini, ex direttore de l’Avanti; Marcello Masi, direttore del Tg2; Alessandro Vocalelli, direttore del Corriere dello Sport (nella foto al centro, fra il presidente dell’Ussi nazionale Luigi Ferrajolo e Gianfranco Coppola) voca. Insieme ai figli di Antonio Ghirelli, Massimo e Guido, numerosi personaggi del mondo del giornalismo, delle istituzioni e dello sport hanno voluto onorare l’iniziativa promossa dalla Casa editrice Cento Autori di Villaricca e dalla onlus Ali, come gli allievi di Ghirelli, Antonio Corbo e Nino Petrone, il rettore dell’università di Salerno Aurelio Tommasetti, il procuratore Giovandomenico Lepore, il presidente nazionale Odg Enzo Iacopino, il consigliere Nazionale Odg Antonio Sasso, il caporedattore centrale Tgr Campania Antonello Perillo, il direttore del Centro di produzione Rai di Napoli, Francesco Pinto, Carlo Verna, Pino Blasi, Salvatore Biazzo, Giovanni Rinaldi in rappresentanza del SUGC, Massimiliano Amato, Mimmo Falco, i presidenti Ussi nazionale e Campania, Luigi Ferrajolo e Mario Zaccaria, l’ex presidente del Napoli Corrado Ferlaino, Faustino Canè.
Alla cerimonia è giunto anche un messaggio di saluto del presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, ‘ragazzo di via Chiaia’ come Ghirelli.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Bizzotto: i telecronisti di ogni età prendano esempio da maestri come Martellini”

“Quando affrontai la prima telecronaca della nazionale il mio pensiero andò a lui, a quel galantuomo del Microfono che da bambino avevo sentito scandire campioni del mondo, campioni del mondo, campioni del mondo con quello stile inimitabile. Ricevere come altri grandi colleghi che magari anche più e meglio di me ne hanno ripercorso le tracce mi emoziona”: parole di Stefano Bizzotto peraltro voce – con Katia Serra al commento tecnico – del racconto della finale vinta agli Europei di Londra dalla nazionale di Mancini con l’indimenticato Vialli team manager.