///
Professione fotogiornalista tra etica, deontologia, privacy, social e diritto di cronaca

Professione fotogiornalista tra etica, deontologia, privacy, social e diritto di cronaca

I relatori al seminario del GERGS

L’Ordine Giornalisti e la Fondazione Giornalisti dell’Emilia-Romagna in collaborazione con L’USSI Unione Stampa Sportiva Italiana hanno organizzato oggi a Bologna, presso la Sala Londra dello Zanhotel Europa, un seminario di formazione dedicato alla professione fotogiornalistica.

L’evento, che prevedeva la presenza di 80 partecipanti ai quali sono stati dati 6 crediti formativi deontologici, aveva come obiettivo quello di fornire ai giornalisti maggiori conoscenze sulla tutela dell’integrità fisica e professionale, sul Testo Unico dei doveri del giornalista (carte deontologiche), sulla differenza tra luogo pubblico e luogo aperto al pubblico. Gli argomenti trattati sono stati tutti di strettissima attualità, come quello relativo alla differenza tra etica professionale e codice deontologico nel fotografare e pubblicare e gli approfondimenti sul tema della privacy e i limiti nel fotografare, sull’utilizzo delle foto scaricate da Google e dai vari social.

Questi i relatori che hanno preso parte al Seminario e i relativi argomenti trattati dalle ore 9,00 alle ore 13,30:

  • Il Testo Unico dei doveri dei giornalisti – Giovanni Rossi (giornalista, già presidente Ordine dei Giornalisti e Presidente Emerito FNSI)
  • Fotografia: cosa si può pubblicare senza incorrere in denunce o sanzioni – Gianfranco Coppola (giornalista, Presidente Nazionale USSI)
  • Dove finisce il privato ed inizia il pubblico nei social networkAlberto Bortolotti (giornalista, Consigliere Nazionale USSI)
  • Etica, correttezza, privacy, social nelle pubblicazioni delle foto Giuliano Veronesi (fotogiornalista, Vice Presidente Nazionale USSI)

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PRESENTATO A BOLOGNA IL LIBRO SU DALL’ARA SCRITTO DA MARCO TAROZZI

A Dall’Ara (uno dei più longevi tycoon del calcio italiano, assieme a Pozzo e al coevo ferrarese Mazza) è dedicato un bel libro edito da Minerva e scritto da Marco Tarozzi, già vice presidente del Gruppo Emiliano Romagnolo Giornalisti Sportivi. Il libro è stato lo spunto perché l’Istituto Parri, dedicato alla storia della città, e presieduto dall’ex Sindaco Merola, scandagliasse il rapporto tra storia e sport, con il contributo del Bologna Calcio