///
Sarri spiega i segreti del suo calcio

Sarri spiega i segreti del suo calcio

E’ arrivato in serie A solo a 55 anni e si definisce non un allenatore, ma un appassionato di calcio. “Mi diverto a lavorare anche 13 ore al giorno, ma faccio fatica a chiamarla professione”, è stata la confessione con la quale Maurizio Sarri, tecnico dell’Empoli rivelazione in serie A, ha aperto la sua “Lezione tecnica” al seminario di aggiornamento per giornalisti sportivi.
Non un vero e proprio intervento, ma una serie di riflessioni acute che hanno permesso di conoscere un allenatore emergente, con alle spalle una lunga gavetta nelle categorie dilettantistiche iniziata nel lontano 1991. Non sono mancate anche alcune critiche ai giornalisti, soprattutto sull’eccessivo spazio concesso alle trattative di mercato. “Si parla al 90% di mercato, la vedo come una negazione della cultura del lavoro”, ha detto Sarri, che ha spiegato i metodi di allenamento del suo Empoli.
“Siamo l’unica squadra di serie A che svolge allenamenti aperti al pubblico, ai miei giocatori faccio vedere i filmati delle fasi difensive e offensive dei nostri prossimi avversari e poi andiamo subito in campo a fare sedute mirate”. Sarri ha spiegato che è riduttivo parlare oggi di allenatore. “Oggi c’è bisogno di uno staff, a Empoli siamo 4 allenatori, 2 preparatori e 1 preparatore dei portieri”.
Sollecitato dalle domande dei partecipanti l seminario, di Luigi Ferrajolo e di Gianni Rivera, presidente del Settore tecnico della Figc, Sarri ha indicato alcuni passaggi fondamentali per rilanciare il calcio italiano. “Le idee vengono fuori più facilmente dove ci sono risorse ridotte, la crisi economica può diventare un’opportunità in questo senso. Bisogna tornare a curare la tecnica individuale dei calciatori e ritrovare identità e spirito di appartenenza. Nel mio Empoli, su 25 giocatori ben 13 provengono dal settore giovanile”.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

CALCIO FEMMINILE, GLT FOUNDATION MAIN SPONSOR LECCE WOMEN ANCHE NEL 2022-23

La Fondazione, presieduta da Claudia Segre, nata nel 2016 per diffondere l’educazione finanziaria e digitale con l’obiettivo di contrastare la violenza economica e promuovere di inclusione sociale per le fasce più deboli, affiancherà il club del presidente Lino De Lorenzis anche nella stagione 2022-‘23.

Tutto pronto per il Congresso AIPS, aperto dall’intervento di Ceferin

Una sessione speciale intitolata “L’AIPS incontra Aleksander Čeferin” aprirà l’84° Congresso Elettivo AIPS il 3 ottobre 2022. Il Presidente UEFA ha confermato la sua presenza per un’ora di conversazione che sarà moderata dal Presidente AIPS Gianni Merlo presso il TH – Carpegna Palace Hotel di Roma.
Nella news il programma dei lavori.

Andrea Santoni penna azzurra

L’ex Segretario Generale Ussi e prima firma del Corriere dello Sport-Stadio, Andrea Santoni, premiato oggi dal Presidente Figc Gabriele Gravina e dal CT Roberto Mancini, per l’ultima partita al seguito degli azzurri prima della pensione.