///
USSI PER IL RITORNO AL LAVORO A SPORT APERTO

USSI PER IL RITORNO AL LAVORO A SPORT APERTO

La fine dell’emergenza penalizza ancora gli operatori dell’informazione sportiva, anche se proprio nelle ultime ore si capta qualche segnale positivo, ma serve uniformità. 

Con la capienza negli stadi tornata, finalmente, al 100 per cento per gli spettatori, la regola ancora non vale per giornalisti e operatori per immagini. Solo per loro, il calcio continua a vivere con i numeri, ridotti, da pandemia, anche ora che lo stato di emergenza, con le sue regole restrittive, è finito in tutto il paese.  Tribune stampa in molti casi con postazioni ridotte, distanziamento che, qualche fila sotto, non esiste più, accrediti limitati per i fotografi, ai quali non è permesso di avvicinarsi alle panchine o di muovere un passo dai lati corti del campo, accesso alle sale stampa riservato a un solo giornalista per testata, mixed zone in molti stadi ancora chiuse nonostante nessun CTS – organismo ormai in soffitta – possa suggerire comportamento e regole. 

L’Ussi, che in questi due anni è stata in prima linea per permettere a centinaia di colleghe e colleghi di svolgere il proprio lavoro in condizioni dignitose, sollecita alla Figc un nuovo protocollo, che finalmente ripristini una normalità dimenticata o limitata da disposizioni imposte dalla protezione dell’incolumità e della salute, a cui gli operatori della comunicazione si sono adattati e che, però, ora vanno urgentemente, riformulate per permettere il racconto dello sport, che è diritto ad informare ed essere informati, garanzia della democrazia del paese.

Il nuovo protocollo eviterà che a cascata le Leghe si dichiarino impossibilitate a ripristinare la situazione pre-pandemica già comunque difficile tra diritti, riservatezza ed esclusove.

La stampa sportiva ha duramente pagato la fase difficile operando per rivendicare i diritti con la FNSI e con l’Ordine Nazionale dei Giornalisti affinché ogni ufficio stampa conti al proprio interno un iscritto all’albo per la migliore tutela del rispetto del codice deontologico professionale.

L’Ussi ribadisce l’urgenza di un nuovo protocollo Figc, e della sua piena attuazione da parte delle leghe e dei club di ogni categoria e serie ora che le limitazioni sono di fatto terminate. Non significa “Liberi Tutti” ma certamente non un blocco su posizioni ormai superate dalla quotidianità. 

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

MSA compie 10 anni, Pagliara “Tutela i manager dello sport”

MSA-Manager Sportivi Associati, l’associazione di categoria dei manager sportivi, iscritta nell’elenco tenuto presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, compie dieci anni. Entro la fine del 2024, dalle aspettative del corpo dirigenziale, supererà la quota dei 500 manager di molteplici discipline sportive iscritti e che operano quotidianamente in società, associazioni, club e grandi eventi sportivi. “MSA è una felice intuizione avuta dieci anni fa dal Presidente nazionale dell’Asi Claudio Barbaro, nel tentativo di dare una casa comune ai manager sportivi. Sostanzialmente è un’associazione di categoria, riconosciuta dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha come scopo quello di tutelare il lavoratore che svolge questo tipo di attività nell’ambito dello sport e in particolare di farne riconoscere il profilo professionale, le competenze e l’importanza nel sistema sportivo italiano” le parole del Presidente di MSA Fabio Pagliara, che pochi giorni fa, insieme al board, è stato ricevuto dal Ministro per lo Sport e i Giovani Andrea Abodi. “Il lavoro di questa associazione consiste prima di tutto nel dare sempre più consapevolezza al mondo dello sport e ai vari stakeholders, inclusa la politica, dell’importanza che ha il manager sportivo nel sistema. Come le associazioni sportive sono il motore dello sport, il dirigente sportivo ne rappresenta materialmente chi conduce la macchina.

Ussi promuove Forum turismo sportivo al forum nazionale sul mare a Gaeta

Nella giornata dedicata al mare la presenza di Ussi al Forum di Gaeta con un panel alla presenza del ministro Andrea Abodi a capo del dicastero allo Sport e Politiche Giovanili. Dopo un video su sport e Turismo sportivo legato al mare il saluto del Presidente del Coni Giovanni Malago’ che ha sottolineato il ruolo di Ussi nel racconto dello sport che è il “segmento del giornalismo che più di ogni altro si dedica alla valorizzazione dei territori in cui si svolgono gli eventi e ai luoghi di provenienza degli ateti” ha sottolineato il Presidente Ussi Gianfranco Coppola introducendo le testimonianze di grandi atleti come FABRIZIO CORMONS Campione del mondo nella disciplina Paralimpico tiro a volo open medaglia d’oro a Lima.

Sul palco intervistati dalla giornalista Doriana Leonardo sono stati luminosi gli esempi di sport e valori. Ne ha parlato GIANCARLO CANGIANO, Campione mondiale di motonautica P1 e ora presidente porto di Capri che ha ricordato un gran premio a Yalta in Ucraina con 200.000 spettatori.

Fondazione Allianz UMANA MENTE e Hol4All, una vacanza per tutti sulla neve di La Thuile

La Fondazione Allianz UMANA MENTE, principale espressione delle iniziative di responsabilità sociale del Gruppo Allianz in Italia, ha organizzato dal 20 al 24 marzo a La Thuile in Valle d’Aosta la nuova sessione di Hol4All, forma sintetica di “Holiday for All – una vacanza per tutti”, un progetto di integrazione e partecipazione sociale ideato per offrire una vacanza a bambini e ragazzi con una disabilità complessa o malattie rare, insieme alle loro famiglie.

Hol4All è un progetto avviato per la prima volta nel 2021 e nato dall’incontro tra famiglie con figli con disabilità e gli oltre 20 anni di esperienza della Fondazione Allianz UMANA MENTE. Hol4All risponde agli obiettivi 3 (Salute e benessere) e 10 (Ridurre le disuguaglianze) definiti dalle Nazioni Unite per uno sviluppo sostenibile (SDGs).