///
Parco del Foro Italico: un progetto da 80 mln di euro

Parco del Foro Italico: un progetto da 80 mln di euro

La ministra per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone ha assegnato un contributo di 80 milioni di euro a Sport e Salute per la realizzazione di un progetto di recupero e valorizzazione del Parco del Foro Italico, in occasione dei 150 anni di Roma Capitale d’Italia e in vista dei Giochi olimpici del 2026. Una iniziativa che rientra in una serie di interventi sul territorio nazionale, in relazione all’importante anniversario, approvate dal Comitato per gli anniversari di interesse nazionale negli scorsi mesi. «Prende il via un’opera che rappresenta una duplice volontà: da un lato valorizzare il patrimonio storico e culturale di uno spazio esclusivo di aggregazione e di incontro per tutti e in particolare per tantissimi giovani; dall’altro promuoverne la sua dimensione sociale e simbolica in un anniversario come quello dei 150 anni di Roma capitale d’Italia. Un risultato importante, frutto della sinergica collaborazione tra la Struttura di Missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni ed il suo coordinatore, Paolo Vicchiarello, con il Capo di Gabinetto, Giovanni Panebianco, ed il Presidente e AD di Sport e Salute, Vito Cozzoli,» ha commentato l’on. Dadone. «Un investimento consistente – continua il Ministro – per un luogo della memoria di particolare pregio storico e architettonico. Il piano strategico per il Recupero e la Valorizzazione del Parco del Foro Italico sviluppato dalla società Sport e Salute rappresenta un’imperdibile opportunità di fondere le diverse anime del Parco verso un obiettivo molteplice: favorire le iniziative legate alla promozione dello Sport e della Salute e riunire in uno spazio unico le sedi societarie e federali ad oggi dislocate in maniera frammentaria sul territorio in un luogo della cultura in cui sport, architettura e arte si fondono dando valore al patrimonio monumentale di Roma Capitale. Senza tralasciare l’impegno nel supportare l’organizzazione dei Giochi olimpici invernali del 2026. Una sfida complessa e ambiziosa, che porterà sicuramente benefici di breve e lungo termine», ha concluso il Ministro.
Il Presidente e AD di Sport e Salute SpA Vito Cozzoli ha commentato: «Il Parco monumentale del Foro Italico, con la sua storia, la sua anima e le sue enormi potenzialità accoglie da sempre i cittadini, sportivi e non, nella sua magnifica cornice, tanto da essere considerato la Casa dello Sport Italiano». Il piano di sviluppo promosso da Sport e salute, sostenuto in modo straordinario da un investimento dello Stato – ha aggiunto Cozzoli – permetterà di procedere con la più importante opera di riqualificazione e di restauro conservativo per la valorizzazione del Parco creando una hub community, uno spazio innovativo, digitale, aperto a tutti, aggregatore di contenuti ed emozioni che vivranno tutto l’anno“.
Nella convezione stipulata tra la Struttura di Missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e la società Sport & Salute, sono dettagliati gli interventi, che interesseranno il restauro conservativo e la rifunzionalizzazione del Viale dell’Obelisco, del Complesso Ex Civis Edificio B, delle Ex Foresterie Sud, dello Stadio dei Marmi, dell’Ex Palazzo delle Terme, dello lo Stadio del Nuoto e dell’Ex Accademia di Educazione Fisica.
Fonte: ITALPRESS

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

PREMIO GIORNALISTICO “LO SPORT E CHI LO RACCONTA”

E’ stato pubblicato il regolamento della quarta edizione del Premio giornalistico “Lo sport e chi lo racconta”.
Questo il tema: “Anno 2022: vittorie, sconfitte, storie, solidarietà”.
C’è tempo per inviare gli elaborati dal 10 settembre 2022 al 10 gennaio 2023. Premio di mille euro per i vincitori delle 5 sezioni previste

Allo Stadio Olimpico la Giornata dello Sport per la scuola primaria

Oltre 2000 bambini di classe V provenienti da tutte le Province italiane hanno partecipato oggi alla “Giornata dello sport per la scuola primaria”, una grande festa organizzata allo Stadio Olimpico di Roma e promossa dal Ministero dell’Istruzione, dal Dipartimento per lo Sport e da Sport e Salute per promuovere l’attività motoria e diffondere la cultura sportiva nella scuola primaria.