///
“CONI LOMBARDIA AWARDS”, PREMIATE LE STELLE DELLO SPORT LOMBARDO

“CONI LOMBARDIA AWARDS”, PREMIATE LE STELLE DELLO SPORT LOMBARDO

Giovanni Malagò, presidente del CONI, al centro con gli ex cestisti Pierluigi Marzorati e Dino Meneghin

Milano, 20 dicembre – Il teatro è la scala del calcio, lo stadio di San Siro dedicato a Bepin Meazza. L’occasione, ieri sera, è stata la prima edizione del “Coni Lombardia Awards”, voluto ideato e organizzato dal Comitato Olimpico regionale di Marco Riva con il sostegno di Regione Lombardia.
Una “prima volta” importante e suggestiva, grazie anche al fondamentale apporto di Comitati Regionali di Fasi (Federazione Arrampicata Sportiva Italiana), Lnd (Lega Nazionale Dilettanti) e Fipav (Federazione Italiana Pallavolo). I premiati? Tanti e tutti di assoluto livello «ma questa non è una novità, anche perché la Lombardia è da sempre eccellenza e guida dello sport italiano», ha detto il numero dello sport tutto, Giovanni Malagò, presidente del CONI.
Ad aprire la serie dei premiati una leggenda lombarda, che a San Siro ha scritto pagine memorabili dalla sponda rossonera, Franco Baresi. Dopo “il capitano” è toccato all’amministratore delegato dell’Inter Alessandro Antonello, premiato come Baresi da Lara Magoni, sottosegretario allo sport di Regione Lombardia, Marco Riva e Giovanni Malagò.
La serata, condotta abilmente da Sandro Sabatini, volto televisivo delle reti Mediaset e dalla soubrette Laura Barriales, è scivolata via tra riconoscimenti e “Stars of Honor Lombardia”. Da Manuel Locatelli della Juventus all’arrampicatore Matteo Zurloni; dal Lecco calcio al tecnico Fidal Antonio LaTorre; dal ct azzurro della pista Marco Villa ai velocissimi Filippo Tortu e Roberto Rigali, anche se uno dei momenti più sentiti e partecipati è stato quando è stata chiamata sul palco la “Signora senza tempo”, la regina del tennis azzurro: Lea Pericoli.
A proposito di tennis, premiata anche la milanesissima Francesca Schiavone, oltre al fuoriclasse paraolimpico Simone Barlaam. Bellissimo ed emozionante anche quando sono saliti sul palco due leggende del basket italiano e mondiale, i lombardissimi Dino Meneghin e Pier Luigi Marzorati. E poi ancora: le coppie Guignard-Fabbri e Conti-Macii per il pattinaggio, Danilo Sollazzo campione del Tiro a Segno, Gemma Galli per il nuoto. A impreziosire ulteriormente l’evento Francesca Piccinini, Cristian Zaccardo e l’Armani pallacanestro.
Tanti dirigenti di Inter, Milan e Olimpia Milano, Lecco, Feralpisalò e Pallacanestro Brescia, del volley lombardo e il professor Franco Ascani, membro della Commissione Cultura e Patrimonio Olimpico del Cio, anche lui premiato con un “Ambrogino dello Sport”. E poi un brindisi di Buon Natale e di Buon Anno, come auspicio olimpico: sia quello parigino in programma la prossima estate, sia per quello molto milanese e lombardo, nell’inverno 2026.

Al centro Lara Magoni, sottosegretario allo Sport di Regione Lombardia ed ex sciatrice, e il presidente del CONI Lombardia, Marco Riva.

Condividi

Facebook
Twitter

Articoli Correlati

Convegno GLGS: “Mobilità leggera problema pesante”, confronto su ciclisti, auto e… rispetto

Uno dei temi più caldi del nostro vivere quotidiano, soprattutto nelle città, è stato oggi trattato e dibattuto sotto l’egida del Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi e dell’Associazione Lombarda Giornalisti, con l’ospitalità di Banco BPM. Il convegno Mobilità leggera Problema pesante, valido anche per 3 crediti della formazione professionale giornalistica, si è svolto stamattina nella Sala delle Colonne nel cuore di Milano, città-simbolo delle questioni relative alla mobilità.