News

“GIAMPIERO, UNICO E INDIMENTICABILE” IL RICORDO DI MALAGÒ ALLA PRESENTAZIONE DEL 3° MEMORIAL A ROMA

Il presidente del Coni con i figli del cronista scomparso nel 2021, Gianluca e Susanna, ha lanciato dalla Sala giunta l’evento che si terrà in Sardegna al Chia Laguna resort dal 30 maggio al 1° giugno. Intensa commozione da Peppiniello Di Capua, timoniere delle celebri medaglie d’oro olimpiche con il duo Abbagnale. Appassionanti i video auguri di Paola Pezzo, Gigi Casiraghi, Gianfranco Zola, Tino Demuro, Danilo Gallinari, Max Sirena, Fabio Aru, Filippo Tortu, Dalia Kaddari, Leonardo Pavoletti e Adriano Panatta

Leggi Tutto »

Ussi ricorda Gianpiero Galeazzi. Al Coni dettagli in Sardegna i suoi amici dal 30

Domani al Coni CONFERENZA di presentazione della TERZA EDIZIONE DEL MEMORIAL GIAMPIERO GALEAZZI – curato dal 2022 dall’Unione stampa sportiva italiana alle 12,al Palazzo H – largo De Bosis, Roma. Amico di Gianpiero e padrone di casa il presidente del Coni Giovanni Malagò con al fianco il presidente nazionale Ussi Gianfranco Coppola, il direttore di Rai Sport Iacopo Volpi mentre Simona Rolandi coordinerà gli interventi. Ai lavori partecipano Susanna e Gianluca Galeazzi, figli di Gianpiero, i presidenti Fnsi, Sport e salute e FederCusi, Vittorio di Trapani, Marco Mezzaroma e Antonio Dima, campioni e autorità. Previsti i video-saluti di Paola Pezzo, Gigi Casiraghi, Gianfranco Zola, Danilo Gallinari, Max Sirena, Fabio Aru, Filippo Tortu, Dalia Kaddari, Leonardo Pavoletti, Adriano Panatta.

L’evento ha patrocini e supporto da Regione e Fondazione di Sardegna, Odg, Ussi, Coni, Fnsi, FederCusi, Sport e salute, Sardegna ricerche, Università di Cagliari, Mcl, comune di Domus de Maria, enti pubblici e privati.

Leggi Tutto »

I 100 anni di AIPS sul francobollo celebrativo emesso a San Marino 

Il 2024 è un anno storico per l’Associazione Stampa Sportiva Internazionale (AIPS), che festeggerà
i 100 anni dalla fondazione dal primo Congresso a Parigi del 1924. Un evento celebrato da San
Marino e dall’Associazione Sammarinese Stampa Sportiva con l’emissione di un francobollo da
parte di Poste San Marino.

Leggi Tutto »

Indimenticabile Nando e il suo racconto dello sport

Maggio 2004-maggio 2024. Venti anni dall’addio a Nando Martellini. Per la grande lezione che ha lasciato più che parlare della morte è giusto celebrare la vita di un mito, consapevoli come siamo che i miti non tramontano mai. Quando la Tv era ancora in bianco e nero, le sue telecronache erano già a colori: si può prendere a prestito questa battuta di Sergio Zavoli per ricordare un maestro di livello assoluto. Definizione efficacissima, se riferita alla sobrietà e alla chiarezza divulgativa del linguaggio, ma forse troppo didascalica per illustrare la carriera straordinaria di un principe del microfono entrato di diritto nel Pantheon degl’immortali. Nella stagione che coincide con i cento anni della Radio e i settanta della Televisione, il nome di Martellini ci riporta all’età dell’oro del giornalismo sportivo. Un periodo nel quale (chiusa la fase preistorica di Carosio) insieme con lui, hanno brillato altri due fenomeni come Sandro Ciotti ed Enrico Ameri. Tutti e tre si sono congedati quasi contestualmente da questo mondo nello spazio di pochi mesi, quasi a sugellare, nello stesso arco di tempo, la fine di un’epopea indimenticabile.

Leggi Tutto »

Presentato Interstellar Games, Salis “Sport è opportunità”

“I bambini devono imparare a conoscere lo sport, perchè lo sport non ha età. Questo è un cartone che parla di squadra, di regole, di sport. Ai ragazzi bisogna parlare in modo diverso, con il loro linguaggio. Lo sport porta tutti verso qualcosa: quello che ti penalizza in una disciplina può essere un punto di forza in un’altra. Lo sport non ti lascia mai in panchina”. Sono le dichiarazioni di Silvia Salis, ex martellista oggi vice presidente vicario del Coni, al Salone d’Onore del Coni per la presentazione di ‘InterStellaR Games’, il primo cartone multi sport in Italia tratto dal suo romanzo per ragazzi ‘La bambina più forte del mondò. “Sono stati due anni di lavoro, telefonate e rincorse – ha aggiunto Salis -. Noi ci occupiamo di sport, la cosa più bella del mondo, che porta con sé responsabilità. Dopo la famiglia e la scuola, siamo coloro ai quali vengono affidati i ragazzi. Lo sport è un lavoro, ti cambia la vita. Ti fa vivere in un ambiente sano. E’ un’opportunità”.

Leggi Tutto »

Share:

Facebook
Twitter